728 x 90

Canti popolari lionesi

Canti popolari lionesi

CANTI POPOLARI LIONESI

 

I canti popolari erano e sono parte del nostro paese e costituiscono un patrimonio culturale del Comune di Lioni. Non sono canzoni nel senso stretto della parola, ma piuttosto narrazioni musicali per mantenere vivo il ricordo di avvenimenti paesani. Esprimono fatti, gioie e dolori, ma anche descrizioni di un personaggio poco amato del paese. Questa canzone allegra veniva cantata e ballata durante il periodo del terremoto del 1980 affinché gli abitanti si distraessero dalla grande tragedia che aveva colpito l’Irpinia, la nostra meravigliosa terra.

 

 

   “ CICORIA RECCIA “   

 

Pe’ coglie re cerase ‘nge vole lo ‘ngino oi-lì

Pe’ coglie re cerase ‘nge vole lo ‘ngino oi-là

Pe’ fa l’amore ‘nge vonno li malandrini

Zomba la rondinella, comme te voglio ama’,

Te voglio ama’, te voglio amà, te voglio bene

E tricche e tricche e lo core se ne va

Soli soli non si puo’ stà.

Cecoria reccia m’hai fatto assì paccio

Damoli n’ata botta e che ne vene ve’

Non voglio amane cchiù lo scarparieddo oi-lì

Non voglio amane cchiù lo scarparieddo oi-là.

Tutto lo juorno arreto a lo bancarieddo

Zomba la rondinella, comme te voglio amà,

Te voglio amà, te voglio amà, te voglio bene

E tricche e tricche e lo core se ne va

Soli soli non si può stà.

Cecoria reccia m’hai fatto assì paccio

Damoli n’ata botta e che ne vene ve’.

Le piettitonne so pe li coseturi oi-lì

Le piettitonne so pe li coseturi oi-là.

Danno lo punto e vonno pazziane

Zomba la rondinella, comme te voglio amà

Te voglio amà, te voglio amà, te voglio bene

E tricche e tricche e lo core se ne va

Soli soli non si può stà.

Cecoria reccia m’hai fatto assì paccio

Damoli n’ata botta e che ne vene ve’.

Le piette tonne so tutte promesse oi-lì

Le piette tonne so tutte promesse oi-là.

Ai falegnami e a li fravegaturi

Zomba la rondinella, comme te voglio amà

Te voglio amà, te voglio amà, te voglio bene

E tricche e tricche e lo core se ne va

Soli soli non si può stà.

Cecoria reccia m’hai fatto assì paccio

Damoli n’ata botta e che ne vene ve’

Te voglio amà, te voglia amà, te voglio bene

Damoli n’ata botta e che ne vene ve’

 

 

 

  1. A., D. C. D., S. M. N., R. L., D. F. C., D. C. F. classe 1 A

 

 

                 “Il passato non muore mai

                       E non è   neanche passato”

Silvia De Simone
ADMINISTRATOR
PROFILO

Articoli Correlati

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *