728 x 90



  • “IMPRESSIONI DI NOVEMBRE”

    “IMPRESSIONI DI NOVEMBRE”4

    La locandina rappresenta un’angosciante scena di case diroccate e distrutte dal sisma tra le quali si vede, in primo piano, uno dei luoghi più caratteristici dell’Irpinia: l’antica abbazia del Goleto, che fu anch’essa danneggiata dal terremoto del 1980. In alto una frase del poeta Ungaretti per indicare che il danno maggiore che provocò il sisma,

    CONTINUA A LEGGERE
  • Canti popolari lionesi

    Canti popolari lionesi0

    CANTI POPOLARI LIONESI   I canti popolari erano e sono parte del nostro paese e costituiscono un patrimonio culturale del Comune di Lioni. Non sono canzoni nel senso stretto della parola, ma piuttosto narrazioni musicali per mantenere vivo il ricordo di avvenimenti paesani. Esprimono fatti, gioie e dolori, ma anche descrizioni di un personaggio poco

    CONTINUA A LEGGERE
  • “23 Novembre 1980” canto popolare – tratto da Opere Margottiane

    “23 Novembre 1980” canto popolare – tratto da Opere Margottiane0

    “Pecche si ‘a luna ‘ncielo è accusi bbella, ‘ncopp’a sta terra nce sta paura e mmorte?Quattuordice anne , tanno ,chella notte , e ‘stu pensiero , ca mo è ‘nu ricordo . Era nuvembre , e ‘o cielo era ‘na gnostra , migliare ‘e stelle e chella luna, janca.Janche erano ‘e ffacce ‘e chella ggente

    CONTINUA A LEGGERE
  • “La storia cantata” di Paolo Pietrangeli

    “La storia cantata” di Paolo Pietrangeli0

      Il 23 novembre 1980, alle 19.34, un terremoto di 6.5 gradi della scala Richter colpì la zona dell’Irpinia, nel sud Italia, colpendo principalmente la Campania e la Basilicata. Il terremoto provoco circa 2.900 morti, 8.000 feriti e 290.000 sfollati. Ci furono molte polemiche sui soccorsi, in particolare sui ritardi. Significativa fu l’opera di volontari

    CONTINUA A LEGGERE
  • “Quando canta la civetta”

    “Quando canta la civetta”0

    23  novembre 1980   Quando canta la civetta  …………………………….. Cuccu-vi cuccu-và Tutto Calitri deve tremare. Era il 23 novembre Con gli amici eravamo sempre insieme Ed il tempo buono era, alle sette e mezza della sera chi mai credeva quale sorte ci attendeva in un bel momento si arrabbiarono gli elementi che ad un tratto si

    CONTINUA A LEGGERE
  • “Rinascita”

    “Rinascita”0

      Il terremoto dell’80 fu una catastrofe totale!   Case e palazzi furono distrutti,   ogni situazione sembrava surreale;   questa tragedia sconvolse proprio tutti.   Adulti e bambini erano disorientati:   per le strade non c’era più niente…   solo polvere, buio e disperazione della gente.   Quel finimondo li aveva devastati.   Tante

    CONTINUA A LEGGERE