728 x 90

IL RACCONTO DEI MIEI NONNI

IL RACCONTO DEI MIEI NONNI

• Cosa ti ricordi del terremoto dell’ 80?
A dire la verità , il terremoto dell’ 80 non l’ ho vissuto direttamente , perché abitavo in Svizzera. Il terremoto è avvenuto il 23 novembre 1980 alle 19:34, con epicentro serra di Conza con profondità 10 km.

• Ci sono stati morti nella tua famiglia?
Fortunatamente nella mia famiglia non ci sono stati morti, ma il paese di Teora ha avuto 320 vittime. A quell’ora molte persone non stavano in casa; chi era in giro e chi a guardare la partita Juve-Inter nei bar.

• Sono arrivati subito i soccorsi?
Ciò che mi è stato detto è che all’ inizio i cittadini di Teora scavavano a mani nude per trovare velocemente i corpi dei loro familiari. Solo il giorno dopo sono arrivati i soccorsi. Si racconta che abbiano difficoltà a raggiungere il paese

Come si sono sistemate le persone che non avevano più una casa?
Dopo diversi giorni dal terremoto sono stati consegnati dei camper ad alcune famiglie senza casa. Nel campo sportivo, invece, avevano allestito tende militari perché molte persone, nonostante avessero la casa intatta, avevano paura a rientrare. A tutti i terremotati sono state dati delle coperte, vestiti e del cibo caldo.

• Cosa è rimasto del sisma?
Dal sisma è rimasto poco , giusto qualche casa. La chiesa Madre fu completamente distrutta e le bare (numerosissime) furono poste tutte nella chiesa di S.Vito, fortunatamente rimasta integra. Ovviamente, le persone che si sono salvate quel maledetto giorno, hanno ancora vivo dentro di se il ricordo di quei momenti drammatici, delle persone che urlavano, piangevano e delle urla strazianti delle persone sotto le macerie.

D.M. III A scuola secondaria di primo grado di Teora.

Grazia Bonazzi
ADMINISTRATOR
PROFILO

Articoli Correlati

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *